L’imprenditore agricolo, il valore dell’esperienza e del cambiamento.
09 luglio 2021

L’imprenditore agricolo, il valore dell’esperienza e del cambiamento.

Nuovi accordi sulle riforme di politica agricola comune e rinnovate strategie di tutela della biodiversità sono le principali sfide a cui dovranno tenere testa gli imprenditori agricoli, vero pilastro del settore primario.

La forza del lavoro, il valore dell’esperienza

Gli imprenditori agricoli sono il vero pilastro del settore primario.

Il raggiungimento dell’accordo sulla Riforma della Politica Agricola Comune, consentirà di pianificare il futuro della produzione agricola Italiana, rafforzando le figure di gestione del rischio contro le perdite di produzione e reddito, sostenendo interventi a sostegno dei lavoratori. Proseguirà il MIPAAF (Ministero Politiche Agricole Alimentari e Forestali) nella stesura del piano strategico nazionale in coordinamento con le regioni per interventi che qualifichino di più le produzioni italiane che possono contare sulla forza e il valore dell’esperienza degli agricoltori. Ascoltiamo Davide Zaccarelli, socio Orogel, che ci racconta la sua esperienza.

Banchetti e matrimoni, si riparte!

A fianco di banchettistica e catering l’eccellenza agroalimentare italiana.

Il mondo della banchettistica, ristoranti e alberghi è destinato a vivere il profondo cambiamento dettato dalle nuove regole. Il comparto vuole rialzarsi in fretta per permettere che le feste abbiano il giusto valore sia per chi le vive sia per i lavoratori del settore che possono contare sull’eccellenza delle realtà agroalimentari italiane.

Walter dalla Pozza - Nazionale Italiana Cuochi - ci racconta come il mondo del banqueting e catering sta affrontando il cambiamento.

Dove nuotano le anatre, un lago per la biodiversità

L’agricoltura crea l’habitat naturale per tutelare flora e fauna.

I cambiamenti climatici e il degrado ambientale sono una minaccia enorme per l'Europa e il mondo. Per superare queste sfide, il Green Deal europeo trasformerà l'UE in un'economia moderna, efficiente sotto il profilo delle risorse e competitiva, garantendo che:

  • nel 2050 non siano più generate emissioni nette di gas a effetto serra,
  • la crescita economica sia dissociata dall'uso delle risorse
  • nessuna persona e nessun luogo siano trascurati.

Un' interessante testimonianza di tutela della biodiversità la sentiamo da Mario Righi, socio Orogel, che ha abbracciato da tempo questa filosofia e progetto a lungo termine.