Affronteremo il 2020 con la meraviglia di ogni giorno
20 dicembre 2019

Affronteremo il 2020 con la meraviglia di ogni giorno

Il 2019 registra una chiusura positiva del comparto agroalimentare, fondamentale per il nostro territorio

Bruno Piraccini testimonia dell’impegno richiesto nel corso dell’anno al lavoro ortofrutticolo e all’agricoltura per la surgelazione, in termini di gestione sia dei fenomeni climatici sia di un mercato mai banale. Continueranno naturalmente da parte di Orogel gli investimenti nella ricerca e nelle tecnologie. L’obiettivo è migliorare costantemente la qualità delle culture e dei prodotti dal punto di vista nutrizionale – anche in senso di contrasto alle malattie e di miglioramento delle convalescenze.

Piraccini ringrazia infine tutti i lavoratori, pur inseriti in un contesto socio-politico complesso. Orogel ha infatti provveduto a far presente alle forze politiche attualmente in campo i problemi dell’agricoltura e dell’alimentazione, in modo dialogico e costruttivo. Economia e agricoltura sono driver fondamentali per lo sviluppo del territorio e per il benessere dell’ambiente, racchiudendo il futuro prossimo delle nuove generazioni.

Marcello Filippi sottolinea le diverse sfide climatiche che l’agricoltura ha dovuto affrontare nel 2019, inclusi i danni nelle produzioni. L’impegno è proseguire con investimenti e ricerca finalizzata al residuo zero. Maurizio Tortolone evidenzia invece la ricerca di qualità per il consumatore e di brevità di filiera, a garanzia della massima freschezza e salubrità dei diversi prodotti.

Silver Giorgini parla di open innovation, con la massima apertura alle idee interne ed esterne all’azienda. La direzione della ricerca rimane sempre la salute e l’aiuto ai consumatori moderni, in vista della prevenzione alimentare delle malattie: vengono selezionati ingredienti sempre più ricchi di nutrienti buoni e poveri di sostanze non positive dal punto di vista nutrizionale.

Michele Fantini ricorda i diversi progetti realizzati, lo sviluppo di nuove linee e il grande avviamento della nuova cella frigorifera. Prospetta inoltre nuovi surgelatori e nuove linee anche per il 2020, rivolgendo un saluto e un ringraziamento alla grande famiglia di Orogel, fra i molti pensionati e i molti nuovi giovani assunti. Maurizio Zappatore descrive lo scenario complesso sulla distribuzione, suggerendo come guardare sempre al consumatore renda però sempre la sfida vincente in termini di gusto, salute, italianità.

Luca Pagliacci racconta i tanti avvenimenti di questo 2019, con una crescita costante anche in termini di comunicazione per la tv, la stampa, i social e il web. L’intento è quello di comunicare a tutti i consumatori l’azienda e la realtà agricola, in cui Orogel è il primo produttore italiano nel settore dei vegetali surgelati, ma anche di raccontare la storia dei prodotti, dal campo al consumo, e di realizzare al meglio le inaugurazioni ufficiali alle porte, con una squadra sempre attiva e affiatata.

Valter Zino testimonia la chiusura di un anno impegnativo, ma ricco di risultati e della certezza di aver fatto un buon lavoro. Il lavoro tecnico non si ferma mai, i cantieri sono aperti anche a Ficarolo e Policoro, mentre molto viene fatto per restare sempre allineati alle conoscenze in continuo mutamento e aggiornamento. Rileva anche il valore di fare rete internamente ed esternamente: la robotica in stabilimento e la qualità del lavoro in campagna.

Giancarlo Foschi chiude sottolineando che la sfida è viva e presente tutti i giorni. La soluzione rimane fare sistema, partendo dalla base sociale e arrivando sino al consumatore, da accontentare sempre di più, e chiude con i migliori auguri dell’azienda per un sereno Natale e un felice anno nuovo.

Guarda la puntata di Orogel News!